Analisi dei fumi (biennale)

Analisi dei fumi (biennale)

Qual’è la differenza tra manutenzione della caldaia e controllo dei fumi?

Nel primo caso, ci si riferisce al corretto funzionamento dell’impianto e alla pulizia del bruciatore e dello scambiatore di regolazione; quando si parla di controllo dei fumi invece, ci si riferisce all’analisi della combustione e dell’ossido di carbonio che si concentra nell’impianto.

Il controllo dei fumi della caldaia consiste nell’analisi della combustione dei fumi, per verificarne il rendimento, la concentrazione di ossido di carbonio (CO) e l’indice di fumosità.

Quali rischi si corrono in caso di mancata revisione e verifica fumi della caldaia?

La revisione della caldaia e il controllo dei fumi sono di fondamentale importanza per il corretto funzionamento dell’impianto. Nel caso in cui questi controlli non vengano effettuati, i rischi più frequenti che si corrono sono i seguenti:

  • Perdita di gas dell’impianto:

    nel caso l’apparecchio sia alimentato a gas, metano oppure gpl esiste la possibilità che ci sia una fuoriuscita di gas. Questa può essere molto pericolosa poiché può causare un’intossicazione o uno scoppio della caldaia.

  • Monossido di carbonio:

    questo tipo di incidente può avvenire con tutti i tipi di combustibile e può derivare sia dal fatto che le fiammelle bruciano l’ossigeno, senza che nelle stanze ci sia un ricambio d’aria, sia dall’intasamento dei tubi di scarico dei fumi.

  • Incendio del combustibile:

    questo rischio è molto alto per impianti a caldaia a gasolio.

  • Fulminazioni o incendi:

    provocati da corto circuiti degli impianti elettrici che alimentano la caldaia.